Skip to content Skip to footer

Da vinodabere le Standing Ovation assegnate ai Migliori Vermentino di Sardegna.

LA GUIDA AI MIGLIORI VINI DELLA SARDEGNA 2022 DI VINODABERE.

Con la prima pubblicazione dedicata ai Migliori Vermentino di Sardegna, esce online la Guida ai Migliori Vini della Sardegna 2022, edita dalla testata giornalistica vinodabere.
 
I curatori della guida, Maurizio Valeriani e Antonio Paolini, giornalisti enogastronomi si avvalgono della preziosa collaborazione di un nutrito staff di giornalisti e di articolisti esperti degustatori.
 
Le recensioni dei migliori vini sardi escono a step e per tipologia, dopodiché vengono raggruppate in un’unica pubblicazione con i link di richiamo per ogni tipologia precedentemente pubblicata.
 
Le valutazioni a punteggio date dalle commissioni d’assaggio sono accompagnate, in base al voto, dal disegno di un applauso per i vini che si attestano tra i 90 ed i 94,9 centesimi e di due applausi per quelli tra i 95 ed i 97,9 mentre, per i vini che raggiungono un punteggio dai 98/100 ai 100/100 da un disegno che rappresenta una Standing Ovation. Epulae News anticipa ai lettori unicamente i vini che hanno ottenuto la Standing Ovation, così da incuriosirli e  invitarli in questo modo a scoprire, nel sito di vinodabere, la classifica completa dei Vermentino di Sardegna. 
 
 

Le Standing Ovation assegnate ai Migliori Vermentino di Sardegna:

5

Vermentino di Sardegna Is Argiolas 2020 – Argiolas 98/100 (territorio/zona: Serdiana) prezzo a scaffale enoteca 16 euro.

Di color giallo oro, offre all’olfazione aromi di fiori bianchi, agrumi e frutta gialla, ben preservati dall’affinamento in acciaio. Equilibrio ed eleganza accompagnano il sorso in un finale in cui prevalgono, insieme a una gradevole acidità, toni iodati e sapidi.

L’azienda: Argiolas

Via Roma, 28/30 – 09040 Serdiana (CA)
email: [email protected]
tel. +39 070740606

Fondata alla fine degli anni trenta da Antonio Argiolas, questa cantina è una delle più grandi e prestigiose della Sardegna (e d’Italia). Un nome che ha fatto conoscere i vini sardi nel mondo, il Turriga (un vino di fama internazionale creato dal celebre enologo Giacomo Tachis) su tutti. I terreni si trovano nel sud della Sardegna, nelle subregioni della Trexenta e del Sulcis. Una vasta gamma di etichette prodotte, tutte di assoluto valore, derivanti da vitigni come il Cannonau, il Vermentino, il Bovale, il Nasco e diversi altri oltre al Carignano.

4

Vermentino di Sardegna 2020 – Audarya 98,1/100 (territorio/zona: Serdiana) prezzo a scaffale enoteca 14 euro.

A Serdiana, sud della Sardegna, vicino a Cagliari, da uve allevate ad alberello su un terreno calcareo-argilloso, nasce questo Vermentino che fermenta e si affina in tini di acciaio. Giallo paglierino con riflessi verdolini di gioventù, ha profumi fruttati e floreali di glicine, acacia, melone giallo e agrumi. Tipica la sensazione di erbe aromatiche e note marine iodate. In bocca mostra un ottimo equilibrio tra le componenti fresche e morbide, così come ottimo è il rapporto qualità/prezzo.

L’azienda: Audarya

09040 Serdiana | Cagliari | Sardegna | Italy Loc. Sa Perdera | SS 466 km. 10,100

email: [email protected]

tel. +39 070 740437

Ormai nel piccolo comune Serdiana c’è una schiera di aziende che fanno vini di qualità. A nomi come Argiolas e Pala da pochi anni si è aggiunta anche questa cantina, oggi guidata da Salvatore Pala e dalla sorella Nicoletta, che rappresentano la terza generazione della famiglia. Salvatore segue scrupolosamente la vigna e le attività di vinificazione. E i suoi vini – monitorati da chi scrive nel corso degli anni – manifestano un progresso continuo e sempre più evidente.

3

Vermentino di Sardegna Tuvaoes 2020 – Cherchi 98,2/100 (territorio/zona: Usini), prezzo a scaffale enoteca 15 euro.

Il colore è giallo paglierino piuttosto intenso, brillante e con riflessi verdognoli. Il naso è di buona intensità e persistenza, con sentori floreali e vegetali. Spiccano note di erbe, fiori di campo e foglia di pomodoro. Il vino ha nerbo e freschezza conferitagli dall’acidità; ma è anche caldo e morbido, grazie alla consistente struttura. Evidente al palato la piacevolezza aromatica con finale floreale lungo e persistente.

L’azienda: Cherchi 

Località Sa Pala ‘e Sa Chessa 07049 Usini (SS)

mail: [email protected]

tel.+39 079 380273

Giovanni Maria Cherchi, conosciuto da tutti come zio Billia, da poco scomparso, ha dato vita a questa azienda 50 anni fa, cercando di valorizzare, con successo, il vitigno Cagnulari nella zona più vocata in Sardegna (Usini) insieme al Vermentino che in questo territorio dà generalmente risultati fantastici e si dimostra molto adatto al’invecchiamento. Salvatore, figlio di Billia, ha preso in mano le redini dell’azienda. La consulenza enologica è del bravissimo Piero Cella.

2

Tino sur lie 2019 – Mora&Memo 98,3/100 (territorio/zona: Serdiana) prezzo a scaffale enoteca 18 euro.

Vino di intenso impatto floreale e vegetale in cui emergono con forza macchia mediterranea (rosmarino e mirto), erbe officinali (salvia e timo), ma anche note fruttate (mela). Il sorso è elegante e appagante. Una piacevole acidità e una lunga persistenza completano il profilo di questo vino davvero rimarchevole.

L’Azienda: Mora&Memo 

Via Giuseppe Verdi, 9

09040 Serdiana, Sardegna, Italia

Tel +39 33 119 7 2266

email: info (@)morememo.it

La tenuta Mora&Memo si trova a Serdiana, a sud est dell’Isola di Sardegna. I vigneti con un’età media di circa 30 anni, coprono una superficie di circa 40 ettari, a pochi chilometri, in linea d’aria, dal mare, su terreni argillosi, sabbiosi e calcarei. Vermentino, Cannonau, Monica e alcuni vitigni internazionali, costituiscono il panorama ampelografico aziendale. Tutti i vini sono prodotti con uve coltivate secondo i metodi della lotta biologica integrata, secondo quella che è la filosofia di  Elisabetta Pala, ovvero quella di “fare vini capaci di esprimere la mia terra ma anche il mio carattere”. Davvero interessanti le raffigurazioni in etichetta scelte per rappresentare i singoli vini. Ai quattro mori, bandiera e simbolo della Sardegna, Mora&Memo contrappone, in modo originale e creativo, le Bandidas, dei personaggi creati dall’estro di Katia Marcias raffiguranti le orgogliose donne sarde ispirate ai grandi valori arcaici della donna nuragica.

1

Sussinku Bianco 2019 – Nuraghe Crabioni 98,5/100 (territorio/zona: Sorso), prezzo a scaffale:  16 euro.

Un Vermentino potente e strutturato. Ottenuto dai vigneti in località Tresmontes, di fronte al golfo dell’Asinara, affina a lungo sui propri lieviti, periodicamente rimessi in sospensione, fino all’imbottigliamento. Brillante alla vista, all’olfatto è intenso, pieno, con note candite di agrumi, toni di frutta esotica e ricordi “rocciosi”. Al gusto è morbido, pieno e materico. Un vino sicuramente adatto a un lungo invecchiamento.

L’azienda: Nuraghe Crabioni

Località Lu Crabioni 07037 Sorso (Sassari)

email: [email protected]

tel. 3402742056

Augusto Seghene, con l’aiuto del cugino Tonino Spanu fonda l’azienda a Sorso nel 2003. Nel giro di pochi anni, prima con le selezioni di Vermentino (Kanimari e Sussinku), poi con lo stesso Cannonau e con il tipico Moscato della zona, e da ultimo anche con il Cagnulari (etichetta Sussinku Rosso), la cantina si afferma tra le più importanti della Romangia. Circa 35 ettari coltivati davanti al mare, la cui salsedine spesso ricopre l’uva con la sua patina bianca e suggerisce quasi una trasmissione di sapori. I figli di Augusto (Alessandra e Maurizio) seguono gli aspetti commerciali mentre la direzione tecnica è del bravissimo enologo Mauro Murgia.

Il resto della classifica su: vinodabere.it